AUSILTEC - Verifica e Progetto dell'impianto elettrico, Sicurezza Elettrica, Prevenzione Incendi, Consulenza e Perizia Tecnica Elettrica, Adeguamento impianto elettrico - perito industriale Claudio Berti - Venezia centro storico


Vai ai contenuti

Quadro elettrico

Il quadro elettrico deve almeno esporre la targa identificativa riportante:

  • il nome del costruttore,
  • il marchio CE, i dati elettrici;
  • l'identificazione dei comandi.


A corredo dev'esservi
:

  • la Dichiarazione di Conformità,
  • lo Schema elettrico,
  • il Manuale d'uso e manutenzione.

Il quadro elettrico deve corrispondere fedelmente alla documentazione.

Centralini
per "uso domestico" di solito sono eseguiti in opera dall'installatore.
I quadri elettrici più potenti, conviene farli realizzare dal quadrista specialista nel laboratorio provvisto di strumentazione di prova, tarata e certificata.

CLASSIFICAZIONE DEI QUADRI ELETTRICI, sono di:

  • "Distribuzione" se diramano l'energia all'impianto;
  • "Automazione" se gestiscono macchine o impianti di processo.


Garantiscono l'uso sicuro dell'energia elettrica pertanto sono regolati da leggi comunitarie e norme tecniche:

  • Direttiva Bassa Tensione 2006/95/CE
  • Direttiva Compatibilità Elettromagnetica 89/336/CEE (EMC).


I quadri elettrici devono essere marcati CE
, anche se fanno parte di un impianto elettrico provvisto di Dichiarazione di Conformità. I più semplici sono i centralini per uso domestico o similare (monofase, fino a 32A, soggetti a norma CEI 23-51); altri tipi sono per Distribuzione (ASD di serie o non) oppure da Cantiere (ASC).

I quadri elettrici sono custodie che contengono almeno due interruttori di Manovra o Protezione.

L'energia elettrica attraversa il quadro dal quale viene diramata ai circuiti; è un componente essenziale per il funzionamento e definisce la sicurezza di impianti, macchine e apparati. All'interno, i dispositivi (interruttori differenziali, magnetotermici, relais, ausiliari) proteggono l'impianto, consumano energia e dissipano calore. La scelta della custodia contro gli agenti ambientali (polvere, liquidi, gas), dei dispositivi (selettività e potenza), della manifattura, determinano l'affidabilità del quadro elettrico nel tempo e la sicurezza dei presenti; al contrario possono seguire disservizi, intervento delle protezioni, black out.

In presenza di gas, polveri fulminanti, gas esplosivi, non sono ammessi quadri elettrici (all'interno si sviluppano scintille), in alternativa la custodia dev'essere "antideflagrante" (EX) di adeguato livello.

Prestazioni professionali sui quadri elettrici:

  • Disamina e verifica di idoneità, legale e normativa;
  • Verifica della corrispondenza tra progetto e stato di fatto;
  • Calcolo della sovratemperatura;
  • Dichiarazione di Rispondenza;
  • Progetto e schemi elettrici per il quadrista e l'installatore;
  • stima economica e preventivo.

DOMANDE


Torna ai contenuti | Torna al menu